I VERI NUEVE DI SELARGIUS

Era il giorno dei morti, quando alle sei meno un quarto al parcheggio della coop si vedono nove zombie pronti a partire per una trasferta a Selargius che regalerà a tutti noi la cosa più bella, aver raffinato un amicizia con persone che probabilmente non avrei mai potuto passarci insieme 20 ore… Beto a parte!

Si eravamo noi del Gruppo Fame… Fame di Tutto!

wp_ss_20141103_0004

Bruttezza e volgarità sono state le nostre carta d’ identità all’ aereo porto! La parola diversi è il succo dell’ impegno trovato in ognuno di noi nel vestiario! Ragazzi… In  nove offrivamo tutti le mode del mondo!

Lo stile eravamo noi!

La passione per il calcio mescolata alla goliardia hanno creato un mix perfetto.

I cori erano tutti per Beto ! E Beto era la nostra carica! Nessuno di noi ha potuto evitarlo perché nessuno ne poteva fare a meno!

Arrivati a Selargius ci aspettava un ambiente a noi molto familiare: sole, mare e culi!

Noi ragazzi cresciuti sulle rive del mare usiamo un drappo come telo da mare, giusto il tempo di non organizzare nulla mangiare un boccone al volo nel primo ristorante non scelto non selezionato non deciso!

Arriviamo allo stadio dopo treno, pullman e qualche km. fatto a piedi, in una città fantasma nove zombi il giorno dei morti.

 In uno stadio dove il settore ospiti non esisteva ci sentivamo a casa.

Selargius – Terracina

10441009_886843371327672_5699254791414029502_n

Abbiamo indirizzato i cori questa volta a favore dei nostri colori e della nostra città dopo un primo tempo di merda dove perdevamo uno a zero contro una squadra scarsa i nostri animi hanno vacillato. Rifocillati si riparte con un uno ad uno tante svirgolate per poi terminare in un 2 a 1 per i padroni di casa addirittura in 10! Con le ultime forse togliamo le pezze mentre i nostri fantomatici protagonisti di una domenica sportiva ci voltano le spalle e tornano negli spogliatoi lasciando un saluto scomodo ai tre soliti… pochi!

Per noi non cambia nulla anzi solo il soggetto dei cori che diventa di nuovo Beto! Si torna in aereporto tutti con la voce come Sandro Ciotti, le bocca secca il fiato di fogna, le ascelle incrostate, le palle incollate i tarzanelli in culo, i piedi co le bolle d’ acqua mentre, Beto si spegne solo 20 minuti durante il volo di ritorno.

Come la partenza ci si ritrova tutti e NUEVE nel parcheggio con la consapevolezza di aver passato un’ indimenticabile bastarda domenica dedicata a noi grazie al solito pretesto!

UN GRAZIE AI VERI NUEVE E UN VAFFANCULO AI FALSI UNDICI DI SELARGIUS!

AVANTI CURVA MARE !

Annunci
Explore posts in the same categories: Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: