Archivio dell'autore

AUGURI E PREMIAZIONI RUCCUTONE

24 dicembre 2012

E’ risaputo che le festività natalizie rendono tutti più buoni, ma se il Terracina è matematicamente Campione d’Inverno ed affronta in casa l’ultima in classifica… l’occasione è ottima per dare spazio alla creatività per le attesissime premiazioni ruccutone, alle quali ormai gli stessi giocatori ambiscono più di ogni traguardo sportivo. Quella a cui abbiamo assistito domenica 23 dicembre è stata una delle partite più incredibili per i tifosi del Terracina, da 20 anni a questa parte: dopo pochi minuti tigrotti già in vantaggio, arrivava Casciavit ed annunciava a Gordon l’arrivo di LaMudifeca con un premio sensazionale per il miglior cannoniere del Terracina… la Ciavatta Argentata. Nel frattempo il Terracina continua a segnare come fosse dal salumiere in tempo di crisi e il Tor Sapienza rimane anche in 10 per fallo di mano in area intenzionale da ultimo uomo… insomma, fortunato che non gli ha dato l’ergastolo, ma si sa… le festività natalizie rendono tutti più buoni. A fine primo tempo uno squarcio tra le nuvole ed un raggio di sole danno il segno inequivocabile che LaMudifeca è arrivato insieme al principe turco Aludap… una riunione di 7 secondi ruccutonissima decide che il premio va dato a fine partita, ma il contrattempo è che avendo finito la vernice argentata, la ciavatta è rimasta rossa, quindi il premio è diventato la Ciavatta ‘Nfucata. La voce corre fino agli spogliatoi del Colavolpe… si sa, di questi tempi le comete non si fanno mai i cazzi loro e tra i giocatori inizia il fomento su chi si debba accaparrare il premio. Infatti non è ancora chiara la motivazione, perché giustamente viene fatto notare che dovrebbe andare ancora a Marco Neri, già fregiatosi della bandiera ruccutona e del panino con la porchetta. Alla ciavatta è stato allegato un panettone rimediato da Gordon dentro il portabagagli della macchina, ma dalla scatola ha provvidenzialmente tolto la bottiglia di spumante. Per non incorrere in problemi con la SIAE (ed anche per farla entrare nello stadio), sulla foto all’esterno della scatola è stata sbarrata la bottiglia di spumante ed inciso un NO con una chiave. Le squadre rientravano in campo sul punteggio di 5-0 ed un uomo in più per il Terracina, ma l’umore tra i giocatori era visibilmente turbato dal concorso in atto. Infatti iniziava a serpeggiare in Curva l’eventualità di un premio a Serapiglia per diversi motivi:

1)      Capisce meglio le ruccutonate

2)      Ha sopportato per anni compagni, presidenti, allenatori e soprattutto tifosi come noi.

3)      Non lo sappiamo, il terzo motivo ce lo deve dare lui se è veramente nu ruccutone.

Davide Serapiglia giocando terzino sinistro non può mai vincere il titolo di capocannoniere, ma nel cuore dei tifosi ha segnato più di tanti attaccanti che hanno vestito la nostra maglia. In ogni caso lo vediamo puntare più volte la porta avversaria, ingobbendosi e tirando da lontano, ma anche lasciando spazio ai contropiede del Tor Sapienza, che chiamandosi così non dev’essere proprio una squadra di idioti… infatti essendo entrato il portiere del biliardino per il Terracina, infilano 3 gol nell’indifferenza generale. Si, perché intanto sono rimasti in 9 grazie ad un’altra espulsione ed il Terracina continua a pressare, con Marco Neri che vedendo la scatola del panettone tra le nostre gambe in curva, come un invasato prende un palo ed una traversa nella stessa azione, tira al cielo tre o quattro madonne e ci riprova qualche minuto dopo… ed il televoto in Curva Mare risulta più complicato del solito… ma udite udite, Serapiglia scioglie ogni dubbio siglando lui il gol del 6-3 con una botta da lontano, aggiudicandosi il premio per meriti sul campo e fornendo a sorpresa il terzo motivo di cui sopra. Al fischio finale Gordon riesce ad arrampicarsi sulle transenne e chiama Serapiglia a venire sotto la Curva, il quale fa il vago e chiede il perché… Gordon gli risponde “la premiazione ruccutona”, con un tono di voce del tipo “come se non lo sapessi”… infatti Serapiglia fa una faccia del tipo “me pareva il minimo”. Il monumento vivente prende la scatola di panettone, guarda la ciavatta all’interno e la da a Neri, il quale dice a Gordon “ma questa manco la pora mi’ nonna!”, e lui gli risponde “ma guarda che è bona pe’ accide le zanzare, assà sta pieno”. Solite espressioni incredule di molti giocatori, mentre Serapiglia sembra ormai navigato tra le stramberie dei tifosi della Mare, alcuni dei quali insinuano che il panettone sia scaduto… ma si sa che le festività natalizie rendono tutti più buoni!

PRESTO VERRA’ ALLEGATO IL VIDEO DELLA PREMIAZIONE… NEL FRATTEMPO LA REDAZIONE DI MENTALITA’ RUCCUTONA VI AUGURA UN BUON NATALE ED UN FELICE 2013… CON LE PIGNE NEL CAMINO!

Annunci

IL NOSTRO SITO COMUNALE

3 maggio 2012

Non eravamo arrivati a tanto… che il sito istituzionale del Comune di Terracina proponesse una sezione fotografica con tanto di concorso segreto per la foto più ruccutona, era francamente inimmaginabile…ed anche a prova di ARTE RUCCUTONA che ha premiato foto simili a queste.

Potremmo essere ai limiti del plagio, se sapessimo cosa vuol dire… intanto vi invitiamo ad andare nella scheda “Turismo e Cultura” e scegliere in basso la “Galleria fotografica”: 5 sezioni che comprendono “La città”, “Il mare”, “I porti”, “La produzione” e “La storia”… con imperdibili chicche come queste…

…insomma, c’è stato un impegno serio e mirato a rappresentare il peggio della nostra città (con tutto il rispetto per i personaggi che appaiono nelle foto n.d.r.), che ha spiazzato i nostri stessi giurati del Premio ARTE  Ruccutona.

Ma vogliamo riprenderci il nostro!!!

Mentalità rilancia con una proposta shock: prendere in gestione la sezione fotografica del sito http://www.comune.terracina.lt.it

INVITIAMO  TUTTI I TERRACINESI A INVIARE I PROPRI SCATTI PIU’ BELLI E RAPPRESENTATIVI  DELLA NOSTRA AMATA E MOLTO SPESSO DIMENTICATA CITTA’…. DALLA PREISTORIA AI GIORNI NOSTRI.pubblicando le nostre e le vostre foto (stavolta seriamente parlando), CERCANDO DI AMPLIARE LA SEZIONE CON CONTENUTI DECISAMENTE PIU’ INTERESSANTI.

TERRACINA SIAMO NOI.

INVIARE A: amerigoruccutone@gmail.com

STRADE DI FUOCO!

13 febbraio 2012

Esplode la protesta in Grecia, mentre il Parlamento approva il programma di austerità che costringerà il popolo ellenico ad ulteriori sacrifici per salvare le banche. Due personalità che stanno abbracciando ed ispirando la rivolta sono Mikis Theodorakis e Manolis Gletzos, il primo compositore tra le altre cose del famoso Sirtaki di “Zorba il greco”, l’altro patriota dai tempi della seconda guerra mondiale.

In Italia la gente sfida il freddo per assistere alle prime parate dei carri carnevaleschi, ed aspetta il verbo di Adriano Celentano a Sanremo…

 

Gordon

L’AMORE AI TEMPI DEL DISSESTO

1 febbraio 2012

Nella crisi, si sa, ci si vuole più bene e nel dissesto dev’esserci una scintilla che provoca istinti sessuali tra i più estremi, visto che la nostra città è recentemente salita alle cronache per episodi anche cruenti legati a certe perversioni. Qualche mese fa una coppia di sessantenni romani aveva scelto le nostre sponde per auto-farcirsi con limone e capitone, con la variante del capitone ancora vivo; il risultato fu una corsa in ospedale accompagnati da un’imbarazzatissima figlia. E’ notizia recente invece quella che racconta di un falegname con la passione per il voyeurismo, sorpreso da alcuni giovani nel buio isolato di Via Friuli Venezia Giulia e rincorso per campi; nella fuga ha provato a scavalcare un cancello, rimanendo però infilzato all’inguine. Per fortuna il falegname è riuscito a chiamare i soccorsi e salvarsi, dunque chi di sega ferisce di sega (quasi) perisce. Insomma, se è vero che un tramonto sul Circeo o una veduta dal Tempio di Giove possono scatenare fantasie erotiche… cerchiamo però di andarci piano, soprattutto se pensiamo che uno sgombro di un paio d’anni fa già la sua discreta figura ed è più mansueto del capitone.

STRADE DI FUOCO!!!

29 gennaio 2012

Dopo i tassisti e i trasportatori, oggi e’ la volta dei pescatori, che si sono riuniti per manifestare davanti all’Aula di Montecitorio. Ma la loro protesta e’ diretta alla Comunita’ Europea: “Siamo qui per dire no alla licenza punti che ci vuole imporre“, spiegano i pescatori “cosi’ come anche il giornale di bordo. Per non parlare poi del caro carburante: cosi’ non riusciamo ad andare avanti e c’e’ il rischio di un blocco totale”. Una manifestazione che pero’ ha conosciuto diversi momenti di tensione, specialmente quando le cariche della polizia hanno cercato di impedire che i manifestanti continuassero la loro protesta. Verso sera un gruppo di persone si e’ allontanato dalla Camera per bloccare il traffico di Via del Corso e Piazza Venezia. (25-01-12)

Un ringraziamento particolare a Massimott’ per il reportage fotografico. La protesta non poteva avere un testimonial migliore… il Capo dei Capi, colui che siede accanto ai referenti politici, colui che se magna nu panin co du’ mùzzeche. Alta scuola.

STEM’ ARRIVA’…

21 gennaio 2012